La somministrazione di correnti elettriche ai tessuti biologici può avere finalità antalgiche, trofiche, stimolanti, oppure può essere utilizzata per permettere il passaggio transcutaneo di preparati medicamentosi.

Il termine “elettroterapia” indica l’utilizzazione a scopo terapeutico dell’energia elettrica in tutte le sue forme. Dalla corrente continua alle correnti variabili.

La corrente continua è la cosiddetta corrente galvanica. Essa ha la capacità di veicolare le proprietà medicamentose di alcuni farmaci nella zona da trattare: Ionoforesi, significa infatti, migrazione di ioni, ovvero gli ioni medicamentosi, appunto. La ionoforesi ha come effetto la regressione dei sintomi circa affezioni dolorose (algie) dell’apparato muscolo-scheletrico. Fanno parte invece delle correnti variabili, le diadinamiche e le TENS.

DURATA SEDUTA: 30 minuti in media

DOLORE: indolore

INDICAZIONI: affezioni muscolari, dolorose e nervose (soprattutto le nevriti); radicoliti (sciatalgia, cruralgia etc.), dolori muscolo-sheletrici, artrosi.

CONTROINDICAZIONI: è controindicata nei portatori di pacemaker, in gravidanza, in caso di epilessia, ipoestesia cutanea e in presenza di  neoplasie.

Richiedi una prova gratuita

Siete medici o operatori sanitari?

Compilate il form e iscrivetevi alla nostra newsletter. Sarete sempre aggiornati sui servizi Reha Group a voi dedicati, come la consulenza e il supporto di un nostro tecnico ortopedico o gli aggiornamenti su nuovi prodotti e presidi.